Benvenuto!

La figlia di Iorio

* Campi Obbligatori

€ 0,49

Descrizione Prodotto

Informazioni Aggiuntive

Tag Prodotti

 
  • Dettagli

    A cura di Giovanni Antonucci e Gianni Oliva
    Edizione integrale

    La figlia di Iorio, rappresentata trionfalmente nel 1904 e subito diventata la tragedia più fortunata di Gabriele D’Annunzio, è uno dei risultati più alti del teatro italiano del Novecento. È un’opera di grande poesia, uno dei vertici del D’Annunzio lirico, e insieme di mirabile teatralità. Era soprattutto la tragedia mitica e rituale, ispirata ai grandi modelli di Eschilo e di Sofocle, alla quale il poeta aveva sempre guardato come a un obiettivo fondamentale e necessario. Egli stesso scrisse: «Tutto è nuovo in questa tragedia e tutto è semplice: tutto è violento e tutto è pacato nel tempo medesimo. L’uomo primitivo, nella natura immutabile parla il linguaggio delle passioni elementari».


    Gabriele D'Annunzio

    (Pescara 1863 - Gardone Riviera 1938) esordì giovanissimo con la raccolta di versi Primo Vere. La sua vastissima produzione poetica, narrativa, drammatica, tradotta in tutte le lingue, ebbe risonanza mondiale. Dopo la composizione delle Laudi, divenne il “vate nazionale”. Eroe della prima guerra mondiale e “comandante” di Fiume, fu considerato a lungo un “maestro di vita”. La Newton Compton ha pubblicato Il piacere, L’innocente, Il fuoco - Forse che sì forse che no, Tutti i romanzi, novelle, poesie, teatro e I grandi romanzi.
  • Informazioni Aggiuntive

    ISBN 9788854147775
    Protezione Watermark
    Editore Newton Compton Editori
    Autore/i Gabriele D’Annunzio
  • Tag dei Prodotti

    Usa gli spazi per separare i tags. Usa virgolette singole (') per le frasi.